CORTISOLO ORMONE DELLO STRESS ( Parte Seconda)

PERCEPTION

Eccoci di nuovo a parlare del CORTISOLO e della sua stretta relazione con lo STRESS, poiché i punti da affrontare sono tanti ed è difficoltoso condensare in poche righe, aggiungerò informazioni giorno per giorno.
Devo necessariamente fare una premessa: tutto quello che scrivo non fa riferimento a situazioni "patologiche" del Cortisolo ma alle sue oscillazioni in seguito ad abitudini quotidiane, per quanto concerne lo stress anche qui mi limito a situazioni di vita quotidiana a cui noi tutti siamo sottoposti e non mi riferisco al Major stress cioè quelle situazioni di stress che si hanno a seguito di eventi gravi e dolorosi.

Detto ciò iniziamo :

1) PERCEPTION - PERCEZIONE : Questo primo punto lo ritengo FONDAMENTALE, ed oggi mi concentro solo su questo.
Lo stress non è una situazione STATICA uguale per tutti ma dipende dalla NOSTRA PERCEZIONE, noi con i nostri pensieri (positivi o negativi) possiamo affrontare la medesima situazione in modo completamente diverso da un'altra persona.
Questo significa che a volte percepiamo una situazione stressante (anche banale) in modo più pessimistico di quello che meriterebbe, ma come avevo scritto, il cervello non sa distinguere i vari tipi di stress: FISICO, EMOTIVO, PSICOLOGICO.... di conseguenza adotterà sempre la stessa reazione FIGHT or FLIGHT prima con l'adrenalina e poi con l'aumento di CORTISOLO, innescando tutta la serie di reazioni biochimiche che ne conseguono.



Siamo persi nella savana e un leone affamato poco distante sta pensando al suo prossimo pasto (cioè noi).
Siamo bloccati nel traffico e faremo tardi al lavoro, iniziamo a perdere le staffe e a pensare che tutta la giornata andrà a rotoli.
Due situazioni completamente diverse ma la reazione del corpo sarà la stessa:
battito cardiaco accelerato, pressione sanguigna aumentata, muscoli in tensione...
Peccato che nel caso del leone è davvero una questione di vita o di morte e quindi ne abbiamo bisogno per cercare di sopravvivere, ma nel caso del traffico? E' davvero una questione così importante? Se pensiamo che chi vive in città affronta il traffico tutti i giorni, diventa fondamentale il nostro atteggiamento mentale verso tante situazioni stressanti: il traffico, le bollette da pagare, la litigata con il collega, il lavoro ancora da completare, l'esame da sostenere, la spesa... situazioni che accadono più o meno a tutti ma se ripetute giorno dopo giorno aumentano il livello dello stress poichè gli effetti di questo sono CUMULATIVI.
Lo stress non è di per sé negativo, ci da la carica, ci stimola a migliorare, il problema sorge quando è continuato, tante piccole situazioni stressanti nell'arco della giornata, si accumulano ed alla fine è normale sentirsi esausti.

Il CORTISOLO quando è in equilibrio rispetta un andamento circadiano cioè con il picco al mattino ( tra le 6 e le 9) ci da la carica per affrontare la giornata e gradualmente cala fino ad annullarsi verso sera ( intorno alle 20) oppure se viene prodotto per affrontare un'improvvisa situazione di pericolo, la sua durata è BREVE e poco dopo ritorna nella norma.
Purtroppo a causa dello stress continuato assume un andamento sali e scendi durante tutta la giornata, per questo può accadere di sentirsi stanchi al mattino e magari ritrovare energia verso sera, questo andamento se ripetuto, sconvolge tutto l'equilibrio ormonale.

L'EQUILIBRIO ORMONALE è complesso e sofisticato ma FONDAMENTALE per il nostro benessere, quindi se riusciamo a comprendere che possiamo fare qualcosa con la nostra PERCEZIONE è già un buon punto di partenza.

Lasciamo che il CORTISOLO ci aiuti nelle situazioni di vero pericolo ma cerchiamo di affrontare il resto con un atteggiamento più POSITIVO, iniziando a piccoli passi.

Buona giornata
Patty CacaoPuro


Scroll To Top